+39 055 6814309 info@affratellamento.it
maggio 7, 2016
3:30 pm
5:30 pm

TEATRO L’AFFRATELLAMENTO
Kantharos e Agita

con il sostegno della Regione Toscana

presentano

NUOVI TEATRI DI COMUNITA’
Teatro Sociale in ambito educativo

La IV edizione della rassegna NUOVI TEATRI DI COMUNIT?, curata dalle associazioni Kanharos e Agita, con il sostegno della Regione Toscana e la collaborazione della Rete toscana di Teatro Educazione, vuole porre l’attenzione su alcune esperienze regionali e nazionali di teatro sociale e della comunità. che propongono linguaggi e tematiche border line, collocabili sulla soglia di ciò che “fa la differenza”.

Laboratorio “SI FA TEATRO” 2015-16

a cura di Miriam Bardini Patrizia Mazzoni

presenta

Studio per
IN TEMPO DI PESTE

dal DECAMERON di Giovanni Boccaccio, Aldo Busi riscrive IL DECAMERONE, LA PESTE di Albert Camus, TESTI ORIGINALI dei partecipanti

7 maggio20162

Come accade nel “Decamerone” di Boccaccio, un gruppo di giovani si rifugia in un luogo appartato per sfuggire al contagio della peste. Una peste che non è solo malattia, ma soprattutto, allegoria del male (vedi “la Peste” di A. Camus). La peste non viene mai debellata del tutto, ma resta latente, in attesa dell’ambiente propizio a una nuova esplosione. Ed ecco che emarginazione, bullismo, terrorismo, e tutti gli altri mali della contemporaneità, innescano nuove forme di pesti bubboniche: tossicodipendenza, alcolismo, autolesionismo, depressione, fanatismo. Ma ancora una volta, narrare e ascoltare storie si fa pratica preventiva del contagio. Gli aspetti oscuri e drammatici della condizione contemporanea si stemperano nell’ironia del Boccaccio, che ci porge una visione del mondo disincantata e assolutamente salutare, attraverso il trionfo dell’intelligenza e dell’industriosità umane, della virtù della parola, del gusto per la beffa.
I racconti dei ragazzi s’incrociano, s’intersecano, si ispirano a quelli del “Decamerone” creando una nuova “tessitura”: raccontare per dimenticare i malesseri, raccontare per dimenticare le paure, raccontare per ritrovare l’allegria, raccontare per ricominciare a credere nel futuro…raccontare per salvarsi.

Note di regia

In seguito alla formazione del gruppo e a una valutazione sulle sue caratteristiche, il lavoro è partito da una serie di improvvisazioni che coniugavano il tema del male e relativi malesseri-malattie con il tema della relazione. Su questa esperienza il gruppo ha costruito un immaginario comune fatto di immagini, testi letterari, racconti di esperienze di vita. Tale percorso ci ha portato all’incontro con il “Decamerone” di Boccaccio e alla decisione di lavorare sulla struttura dell’opera e su una selezione di novelle, per la messa a punto della nostra drammaturgia.

7 MAGGIO 2016 h 17

ingresso gratuito

Teatro L’Affratellamento

via Giampaolo Orsini, 73 – Firenze