+39 055 6814309 info@affratellamento.it
marzo 17, 2019
6:00 pm

La Compagnia UN CALDO DEL DEMONIO
 
in collaborazione con
 
Cooperativa KOINÈ
L’ISOLA CHE NON C’È (Centro diurno) e
TEATRO COME DIFFERENZA

presentano

DI ANONIMO AMORE

fatti e misfatti del maleficio della culla

Regia e conduzione di
Francesco Ridolfi e Elisabetta Pesci

Una riflessione sul bisogno e il desiderio di perfezione e come questo si ascriva non solo all’orizzonte culturale imperante, ma anche, e indissolubilmente, alla qualità delle relazioni primarie di attaccamento. Il pensiero che questo spettacolo sviluppa spinge ad una domanda chiara:possono le differenze,le fragilità e le imperfezioni essere riconosciute come valore umano?
Seguendo la suggestione che ci proviene dalla fiaba, abbiamo individuato in Biancaneve e La Bella Addormentata due tracce di lavoro su cui si è impiantato lo spettacolo arricchito dai contenuti autobiografici di tutti i partecipanti.

Domenica 17 Marzo 2019, ore 18:00

Biglietto €10 • Ridotto studenti\studentesse €5

TEATRO L’AFFRATELLAMENTO • Via Giampaolo Orsini, 73 – Firenze

Info e prenotazioni: 347 1258775


UN CALDO DEL DEMONIO è un ensemble che comprende:attori\attrici,ricercatori\ricercatrici,ospiti del centro diurno “L’Isola che non c’è”,studentesse e studenti del liceo delle scienze umane Galileo Galilei e del IPSC di Poppi e della Facoltà di Psicologia di Firenze.

TEATRO COME DIFFERENZA è un coordinamento nato all’interno del Festival Della Salute Mentale di Firenze nel 2013 da un’idea di Alessandro Fantechi (Isole Comprese Teatro).
Da allora, un coordinamento composto da varie realtà quali SFUMATURE IN ATTO, ARTE IN CORSO, ARBUS, ES-TEATRO, ISOLE COMPRESE TEATRO lavora per aprire una riflessione su metodologie e poetiche del Teatro,importante fonte di vitalità per le comunità in cui è praticato.
Per la prima volta, i gruppi e registi che lavorano nei Centri di Salute Mentale fiorentini e della provincia, stanno organizzando incontri di discussione, laboratori e rassegne teatrali.

VI ASPETTIAMO NUMEROSI. E VISSERO FELICI E CONTENTI!